Cerca nel sito:

               

CARABINIERI E GUARDIA DI FINANZA DI PALERMO SEQUESTRANO BENI E COMPLESSI AZIENDALI PER 850 MILA EURO

24 Set, 2015

PALERMO – Un’attività svolta congiuntamente dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri e dal G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Palermo ha portato al sequestro di beni per un valore complessivo di circa 850 mila euro, in esecuzione di un provvedimento emesso dal Tribunale di Palermo – Sezione Misure di prevenzione su richiesta della locale Procura della Repubblica. Il sequestro, finalizzato alla confisca, è stato eseguito nei confronti di: – PECORARO Maurizio, nato a Palermo il 07.05.1964, (in atto libero, tratto in arresto nel dicembre del 2011 nell’operazione denominata “PEDRO”). Il provvedimento evidenzia la figura di Pecoraro Maurizio quale custode della cassa del della famiglia mafiosa di Borgo Vecchio, retta in quel momento da Di Giovanni Tommaso. La complessa attività investigativa, svolta attraverso minuziosi accertamenti patrimoniali sui beni sospettati di essere nella effettiva disponibilità del predetto, ha consentito di individuare un ingente patrimonio illecitamente accumulato in diversi anni di malaffare. Attività commerciali, immobili e conti correnti sono stati passati al setaccio dagli investigatori e, alla luce della evidente sproporzione tra il loro valore e i redditi dichiarati, sottoposti a sequestro. Pag. 2 di 2 L’odierno provvedimento di sequestro ha interessato i seguenti beni. 1. Ditta individuale con relativo complesso beni aziendali denominata “LE BIBITE DI ALE 91”, con sede in Palermo, avente attività di somministrazione di alimenti e bevande; 2. Nr. 3 appartamenti siti in Palermo; 3. Nr. 1 magazzino sito in Palermo; 4. Nr. 12 rapporti bancari; 5. Nr. 4 veicoli

Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi



I NOSTRI GIORNALI:

Testata iscritta al n° 209 del Registro Stampa del Tribunale di Agrigento in data 18/01/2010  Sicilia Edizioni P.IVA 02455940847
Tutti i contenuti di sicilianotizie.info  sono di proprietà della Sicilia Edizioni. È vietata la riproduzione anche parziale.