Cerca nel sito:

               

L’anno che verrà…..ma quando arriverà per noi donne? Di Adriana Di Carlo

9 Mar, 2012

Palermo, ore 20:40 E’ passato un giorno dalla festa della donna, tra tanti balli e spogliarelli,oggi non rimane che iniziare nuovamente a piangere,pensare se il giorno ieri è stato diverso dagli altri.

Siamo sempre lì oggi,la donna continua ad essere pubblicità di una politica fatta per se,per esibirsi davanti a quell’incognito che la conduce e la porta avanti soltanto per protagonismo, ma non per necessità di farla sentire donna.

Dov’è la donna oggi,indifesa da quell’infame voglioso di lei,che la usa come oggetto a sua necessità e la deruba della sua dignità..
Lo dico io, che negli anni ho raccolto inganni e delusioni,ho chiesto molte e tante volte di ascoltare la mia voce,in un grido,dove tante donne oggi non possono più rispondere,ho chiesto di ascoltare quelle voci che da tempo assassinati dalla stessa giustizia…

Parlo sullo Stalking,molto discusso come legge sulla difesa del persecutore,ma poco difesa, da quelle autorità giuridiche,e da tutte le politiche.Parlo di tutte quelle donne violentate da questo destino crudele ma mai difesa dalle autorità stesse che trovano le scuse per offenderla.. Oggi costante, discussa da tanti ,che si vantano dalle discussioni fatte su comizi ,ma che oggi, la vittima stessa cammina e scappa da sola,grida senza che nessuno sa udire il suono della
sua voce,si nasconde da sola,senza che nessuno la cerchi,resta da sola,anche se tutti parlano di lei…

L’onorevole Mara Carfagna ,scrive di lei ,legge di lei,ma non sa che ha scritto sui libri del governo qualcosa che ha dato soltanto successo a lei,ma le donne oggi possono ancora gridare…Non esiste anno che verrà….La donna è sola ancora oggi…….

Adriana Di Carlo

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento



I NOSTRI GIORNALI:

Testata iscritta al n° 209 del Registro Stampa del Tribunale di Agrigento in data 18/01/2010  Sicilia Edizioni P.IVA 02455940847
Tutti i contenuti di sicilianotizie.info  sono di proprietà della Sicilia Edizioni. È vietata la riproduzione anche parziale.