Cerca nel sito:

               

Licata, raid vandalico alla scuola Serrovira

22 Feb, 2011

Licata (AG), 22 febbraio 2011, ore 18.50 – Incursione vandalica nella notte nei locali della scuola elementare Marianna Serrovira di Licata, che fa parte dell’istituto comprensivo “Bonsignore”. Il raid ha devastato la scuola tanto che questa mattina i bambini non hanno potuto svolgere le lezioni e sono stati rimandati a casa. Sul posto la dirigente del comprensivo Bonsignore, Maria Marino, che ha presentato una denuncia ai carabinieri. Immediato anche il sopralluogo del sindaco Angelo Graci e dei componenti della Giunta. Graci, accompagnato anche dal dirigente del dipartimento Lavori pubblici, Maurizio Falzone e da un funzionario del dipartimento Pubblica istruzione, ha effettuato un sopralluogo per rendersi personalmente conto di quanto accaduto e, soprattutto sia della consistenza dei danni registrati che delle reali possibilità di riapertura del plesso scolastico ai bambini. “Dopo il sopralluogo – ha detto l’assessore alla pubblica istruzione Gioacchino Mangiaracina – fatta un’analisi della situazione alla presenza del dirigente scolastico, Maria Marino, abbiamo avuto assicurazioni circa la ripresa delle lezioni sin da domani, mercoledì 23 febbraio. Ciò non toglie, comunque, il rammarico e il dispiacere per quanto accaduto, in considerazione del fatto che si causano disagi agli alunni della scuola, ma si recano danni anche alle casse del Comune che, com’è noto non godono di buona salute, ed i cui costi ricadono sull’intera collettività. Per non dire, poi, dei danni provocati all’immagine dell’intera collettività. Non ci resta che auspicare l’identificazione degli ignoti autori di questo incredibile atto e, soprattutto, che analoghe vicende non si ripetano più”.

Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi



I NOSTRI GIORNALI:

Testata iscritta al n° 209 del Registro Stampa del Tribunale di Agrigento in data 18/01/2010  Sicilia Edizioni P.IVA 02455940847
Tutti i contenuti di sicilianotizie.info  sono di proprietà della Sicilia Edizioni. È vietata la riproduzione anche parziale.