Cerca nel sito:

               

Per la luce, tra antichità e contemporaneità. Mostra di Peppuccio Ingaglio e Rosalba Panvini.

25 Mar, 2011

Caltanissetta, 25 Marzo 2011, ore 11:28.  Verrà inaugurata domenica 27 marzo, la mostra di Peppuccio Ingaglio e Rosalba Panvini, che rimarrà aperta presso il Museo Archeologico Regionale di Caltanissetta dal 26 marzo al 17 aprile, dalle ore 9,00 alle ore 13,00; dalle 15,30 alle 19,30; chiuso lunedì

OPERE DI: DANIELE ALONGE, ROSARIO ANTOCI, VALENTINA ARENA CALOGERO BARBA, EDOARDO BASILE, GIROLAMO CIULLA, CARMELA CORSITTO, RAIMONDO FERLITO, LILLO GIULIANA, CONCETTO GUZZETTA, MICHELE LAMBO, ANTONIO PORTALE, GIUSEPPINA RIGGI, SALVATORE SALAMONE, FABIO SCIORTINO, FRANCO SPENA, GIUSTO SUCATO, LUISA VALENTINI.

Promossa dal Sevizio del Museo Interdisciplinare Regionale di Caltanissetta, con la compartecipazione della Diocesi di Trapani, del Museo “San Nicolò” di Militello in Val di Catania, della “Casa della Divina Bellezza” di Forza d’Agrò, della “Fondazione Pasqua 2000” di Trapani, con il patrocinio del Comune di Marianopoli, del Rotary Club di Caltanissetta, della Riserva Naturale Orientata “Monta Capodarso e Valle dell’Imera meridionale”, sarà inaugurata a Caltanissetta, presso il Museo Archeologico Regionale, domenica 27 marzo alle ore 19,30 la mostra Per la luce… tra antichità e contemporaneità, nella quale saranno esposte lucerne e lampade votive realizzate da artisti italiani.

La lucerna, così come la lampada, ed in particolar modo la lampada votiva ha rivestito nel corso dei secoli e nelle diverse culture significati, ruoli e funzioni diversificate e disparate, ma da sempre ha costituito il simbolo di un oggetto portatore di luce, e soprattutto di una luce soprannaturale, capace di illuminare non solo l’ambiente circostante, ma anche la sfera interiore degli uomini. Da oggetto d’uso quotidiano, non di rado è stata oggetto di attenzione da parte di artisti nel passato, i quali, accanto ad un considerevole numero di qualificati artigiani, hanno lasciato testimonianza della loro opera nella forgiatura, realizzazione e decorazione di questi oggetti.

Realizzare oggi una lucerna ovvero una lampada votiva, senza escludere, accanto ad un uso quotidiano e laico, quello liturgico come lampada per il Sacramento, è occasione per gli artisti di offrire, ancora una volta, il loro contributo per avvicinare i pubblico, i collezionisti, la critica ad un’esperienza d’arte contemporanea. La mostra è arricchita dall’esposizione di lucerne tardo antiche e paleocristiane provenienti dalle collezioni del Museo Archeologico di Caltanissetta e da altre testimonianza dei secoli successivi.

La mostra nasce da un’idea di Giuseppe Ingaglio, che ne è il curatore, in collaborazione di Rosalba Panvini, direttore del Servizio Museo Interdisciplinare Regionale di Caltanissetta.

L’evento espositivo ha carattere itinerante: nei prossimi mesi toccherà alcune località della Sicilia: Militello in Val di Catania, Trapani e Forza d’Agrò. Prossima sede, partire dal 14 maggio, sarà il Museo San Nicolò di Militello in Val di Catania.

Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi



I NOSTRI GIORNALI:

Testata iscritta al n° 209 del Registro Stampa del Tribunale di Agrigento in data 18/01/2010  Sicilia Edizioni P.IVA 02455940847
Tutti i contenuti di sicilianotizie.info  sono di proprietà della Sicilia Edizioni. È vietata la riproduzione anche parziale.