Cerca nel sito:

               

Campagna di sensibilizzazione a Palermo contro gli incidenti stradali.

2 Mar, 2011

Palermo, 02 marzo 2011, ore 09:42 . La sua corsa si è fermata all’alba del nuovo anno a causa di un incidente stradale sull’autostrada Trapani –Palermo. Due mesi dopo i familiari di Davide Scarfeo chiedono “Giustizia nelle strade contro gli assassini alla guida” attraverso una campagna di sensibilizzazione. In settimana saranno affissi per la città cartelloni di grandi dimensioni che raffigurano il volto del “gigante buono”, come era soprannominato Davide dagli amici, per chiedere giustizia per tutte le vittime degli incidenti stradali.
Un’idea nata e cresciuta all’interno della famiglia Scarfeo attraverso la nascita di un’associazione e dichiarano che il loro non è solo unmezzo per ricordare  Davide, ma una propaganda contro la giustizia che di giustizia ha solo il nome e con questa associazione chiedono e vogliano giustizia.
I cartelloni, 6 metri per tre, saranno affissi soprattutto per le vie del centro cittadino: da via Messina Marina a via Nicolò Garzilli, da via Roma a via Emerico Amari, da via Libertà a via Duca della Verdura fino a piazza Verdi. Percorreranno tutte le zone attraverso gli autobus.
“L’ obiettivo è quello di coinvolgere 50 mila persone per chiedere un referendum. Perchè effettivamente qualcosa non funziona. Uccidi una persona e, tra patteggiamento e altro, non ti fai nemmeno un giorno di galera. E magari alla guida eri pure drogato e ubriaco. Bisogna cambiare la legge”. Una campagna pubblicitaria forte per coinvolgere tutti i cittadini e non solo. I familiari chiedono un colloquio con il presidente del Consiglio.
Per poter aderire alla campagna di sensibilizzazione basta chiamare il numero 091.336232.

Be Sociable, Share!

I Commenti sono chiusi



I NOSTRI GIORNALI:

Testata iscritta al n° 209 del Registro Stampa del Tribunale di Agrigento in data 18/01/2010  Sicilia Edizioni P.IVA 02455940847
Tutti i contenuti di sicilianotizie.info  sono di proprietà della Sicilia Edizioni. È vietata la riproduzione anche parziale.